| [ENG] | [POR] | [SPA] | [SLO] Clonazione terapeutica

DemoKino
Virtual Biopolitical
Agora

Clonazione terapeutica 
 
movie [wmv]
[pdf]

Mi frulla sempre in testa questa cosa della clonazione. I Radiohead ci hanno fatto un disco intero, sulla clonazione. Proprio bello.

Certo, è un po’ inquietante. Da quello che ho capito, la questione della clonazione umana è la più sensazionale, ma non è la questione più attuale, e forse nenache la più scottante sul piano etico. Forse un essere umano non lo cloneranno mai, ma la clonazione terapeutica la stanno già studiando, concretamente. E la clonazione terapeutica ha a che fare con queste strane cose che sono le “cellule staminali.”

Ecco, avevo tenuto questo articolo [variante: questa rivista] che spiegava bene cosa sono le cellule staminali. Perché pare che il problema sia questo: che la prospettiva più promettente, per la ricerca scientifica, è creare degli embrioni, clonandoli da una cellula somatica del paziente, e poi estrarne queste cellule staminali, che possono essere utili per curare le malattie di quel paziente.

È un po’ come quel romanzo che avevo letto, Spares, di Marshall Smith. Una fantascienza un po’ truce, in cui i ricchi si facevano clonare, tenevano questi cloni ammassati in recinti, come le bestie, e li usavano quando volevano sostituirsi il fegato, o un rene, o un altro organo che avevano rovinato. I cloni come magazzini di organi di ricambio, insomma. No, questa è proprio fantasia, naturalmente, spero proprio che non si arrivi mai a una situazione del genere, ma con le cellule staminali funziona in modo simile. Non si arriva mai a sviluppare un essere umano, questo no, e neppure un feto, perché si interviene sull’embrione a uno stadio molto precoce. Però anche queste cellule funzionano un po’ come delle “cellule di ricambio”.

Ecco: infatti le cellule staminali sono cellule che da un lato hanno la capacità di riprodursi a lungo senza differenziarsi, cioè senza diventare cellule specializzate (nervose, muscolari, ematiche); e dall’altro però, sotto certe condizioni, danno luogo a popolazioni di cellule differenziate (cioè appunto nervose, muscolari e così via).
Sono queste cellule che possono essere usate nella cura di malattie particolari che derivano da malformazioni genetiche, perché, essendo prodotte artificialmente, il loro codice genetico può essere riprogrammato, e quindi possono essere introdotte nell’organismo per sostituire quelle malate. Per esempio, qua dicono che una malattia che si potrebbe curare in questo modo è la Sclerosi Laterale Amiotrofica, che colpisce solo i neuroni che comandano il movimento, e conduce alla morte in 3 o 5 anni circa da quando si è manifestata. Ci sono più di 350.000 persone al mondo soggette a questa malattia, e ogni anno ne muoiono circa 100.000. Ma sembra che anche il diabete, il morbo di Parkinson, o l'Alzheimer potrebbero essere curate così.
Allora: ci sono le cellule staminale adulte, che si conoscono da una trentina d’anni e si trovano nel midollo osseo, nel cervello, e nel sangue del cordone ombelicale, e le cellule staminali embrionali, che invece sono state scoperte più di recente e che si trovano negli embrioni. La sperimentazione su queste ultime è più recente, e quindi non si sa bene come possano funzionare, ma vari scienziati sono disposti a scommettere che potrebbero rivelarsi molto utili. E qui nasce il problema, perché per produrre queste cellule bisognerebbe produrre un embrione umano con una delle tecniche di clonazione oggi disponibili, oppure utilizzarne uno di quelli soprannumerari che si ottengono quando si fa una fecondazione artificiale; poi farlo sviluppare fino allo stadio di blastociste (cioè fra i 14 e i 18 giorni di vita); e infine prelevare dalla massa cellulare interna di questo blastociste le cellule staminali. E questa operazione, naturalmente, distruggerebbe l’embrione.

Quindi chi sostiene che l’embrione deve essere già considerato come un essere umano, sin dal momento in cui lo spermatozoo e l’ovulo si incontrano, o quando il nucleo di un’altra cellula sostituisce il nucleo dell’ovulo, è contrario a qualsiasi ricerca sulle cellule staminali embrionali, e perciò a ogni tipo di clonazione terapeutica. Queste persone sostengono che non c’è differenza sostanziale fra la clonazione terapeutica e quella riproduttiva, perché entrambe, comunque, danno luogo a esseri viventi; anzi, la clonazione terapeutica è ancora più crudele, perché comporta la distruzione dell’embrione.
Ma c’è chi sostiene che un embrione, sino a 18 giorni di vita almeno, non è in alcun modo un essere umano, perché non ha ancora neppure sviluppato un sistema nervoso. Queste persone, quindi, ritengono che non ci sia niente di male a sviluppare la ricerca sulle cellule staminali embrionali, perché è una ricerca che può portare in futuro a trovare delle cure per malattie gravi e debilitanti, quindi va nell’interesse generale dell’umanità. E che un paese che impedisca questa ricerca si condanna a restare indietro a livello scientifico e umano.

Sono due concezioni diverse della vita, della società e della libertà, non c’è che dire. E quindi alla domanda se sia giusto o no consentire la clonazione terapeutica e la ricerca sulle cellule staminali embrionali, ognuno risponderà, come al solito, seguendo le sue convinzioni morali e sociali.

Antonio Caronia.
DemoKino - Virtual Biopolitical Parliament - Therapeutic Cloning.

 
 
DemoKino - Bills >>>_
  <back | aksioma